21 Investimenti vende Farnese

12 agosto 2016

21 Investimenti ha ceduto la sua partecipazioni in Farnese, gruppo vinicolo leader nei vini del centro e sud Italia, a NB Renaissance Partners.
Acquisita da 21 Investimenti II nel 2013, Farnese è diventata l’indiscusso leader nella produzione e commercializzazione di vini del centro e sud Italia attraverso:
- Il completamento del processo di managerializzazione della società con l’introduzione di un nuovo Direttore Generale;
- L’introduzione della produzione e vendita di vini pugliesi;
- L’investimento di oltre €M 10 in due moderni stabilimenti produttivi in Abruzzo e Basilicata.

Questi risultati sono stati raggiunti grazie all’eccellenza del territorio locale, sviluppando collaborazioni durature con i piccoli produttori d’uva, coerentemente all’impegno sociale che ha sempre fatto parte del DNA di 21 Investimenti.
Grazie a tali azioni mirate, oggi Farnese vende i suoi prodotti in oltre 80 paesi in tutto il mondo e, nel corso dei tre anni del periodo di investimento di 21, ha quasi raddoppiato sia il fatturato che l’EBITDA, che sono attesi rispettivamente pari a €M 56 e €M 11 nel 2016.
Valentino Sciotti e Filippo Baccalaro, che hanno fondato la società nel 1994 e reinvestono con NB Renaissance Partners, sono focalizzati nella realizzazione dell’ulteriore percorso di sviluppo di Farnese.

Alessandro Benetton, Fondatore e Managing Partner di 21 Investimenti, ha dichiarato: “sono fiero dei risultati ottenuti da Farnese negli ultimi anni assieme a 21 Investimenti. Con le idee giuste, creatività, passione e capacità è possibile creare società leader nei rispettivi settori , capaci di combinare crescita, impegno sociale e sviluppo delle comunità locali. Abbiamo determinato una chiara discontinuità nella storia di Farnese, guidandola verso un nuovo percorso di crescita.

Valentino Sciotti, Amministratore Delegato di Farnese Vini, ha dichiarato: “il team di 21 Investimenti è stato coinvolto attivamente nel business e ci ha dato un grande contributo nel processo di miglioramento. Hanno supportato la società nel rafforzare la struttura manageriale e nell’innovare il business. Allo stesso tempo, hanno pienamente abbracciato il nostro modello di business e hanno aiutato la società a crescere rispondendo in parallelo ai bisogni sociali della comunità locale di piccoli coltivatori."
Carica altri
Fail to load posts. Try to refresh page.